Home News Bambino gioca con l’iPhone della madre e lo blocca per 47 anni
Bambino gioca con l’iPhone della madre e lo blocca per 47 anni

Bambino gioca con l’iPhone della madre e lo blocca per 47 anni

268
0

Ha dell’assurdo quello che è successo in Cina, dove una mamma ha affermato di essersi trovata con il proprio iPhone bloccato per 47 anni. Stando a quanto dichiarato dalla donna cinese, aveva semplicemente lasciato il proprio melafonino nelle mani del piccolo anni che stava guardando dei video.

Il piccolo probabilmente dopo qualche minuto si è trovato di fronte la schermata di blocco dell’iPhone e la sua innocenza ha fatto il resto. Infatti il bimbo di appena due anni avrebbe cominciato a premere casualmente i numeri sul tastierino numerico della schermata di blocco sbagliando ripetutamente il codice.

Come ha fatto a bloccarlo per 47 anni?

Il meccanismo di sicurezza con codice del melafonino, per evitare che malintenzionati entrino in possesso delle informazioni del proprietario, permette all’utilizzatore di sbagliare il code al massimo 4 volte. Dal quinto tentativo in poi l’iPhone aggiunge un timer che inizialmente è di 1 minuto e che aumenta ad ogni errore, passando da cinque a quindici minuti, poi ad un’ora e così via, fino ad arrivare (nel caso della sfortunata donna cinese) alla enorme cifra di 25 milioni di minuti.

Praticamente 47 anni. Un tempo davvero eccessivo per sbloccare il telefono che la donna non ha giustamente voluto aspettare e, come suggeritole da un commesso dell’Apple Store di Shangai, ha provveduto a ripristinare il telefono allo stato di fabbrica, perdendo così tutti i dati presenti all’interno del proprio iPhone.

La donna, dopo essere tornata in possesso del proprio iPhone ha ironicamente commentato così l’accaduto: «Non potevo aspettare 47 anni e dire a mio nipote dell’errore di suo padre»

E voi cosa ne pensate? Fateci sapere la vostra!

 

Articolo Letto: 268 volte

Ho pensato potrebbe interessarti:

Commenti

Giulio Classe '94. Studente di informatica ed appassionato di, Web, PC, Videogiochi e di tutto ciò che sa di elettronico. Co-fondatore di Tutti On.